Sicurezza bambini televisione come non far ribaltare la tv

Sicurezza bambini televisione: come non far ribaltare la tv

Ciao, mi chiamo Giuseppe, padre di due bambini di 1 e 4 anni e mezzo.

Da quando mia figlia, qualche mese fa, si è tirata addosso il nuovo televisore di 42 pollici, ho deciso di mettere in sicurezza il mio televisore e altri potenziali pericoli in casa, specialmente nel soggiorno, dove lei passa più tempo.

Facendo delle ricerche, sono rimasto molto sorpreso nel sapere che il ribaltamento del televisore da parte di un bambino è uno degli incidenti domestici più frequenti. Ho deciso quindi di approfondire molto l’argomento, e spero sinceramente che questa breve e pratica guida possa essere utile anche per te.

La domanda che molti genitori si fanno, ma per mettere in sicurezza la televisione per i miei bambini,

come faccio a non far ribaltare la tv?

Il metodo più veloce per evitare il ribaltamento della tv è utilizzare cinghie tv antiribaltamento da fissare vicino al muro oppure ai mobili. Potresti anche decidere di fissare la tv direttamente al muro mediante l’utilizzo di una staffa porta tv.

In questo articolo, oltre a capire quale è il miglior metodo per mettere in sicurezza il tuo televisore, saprai anche quali sono le altre attività da fare per rendere sicura tutta l’area nei pressi della tv e dei dispositivi audio video.

Clicca qui per andare direttamente ai migliori cavi antiribaltamento tv per bambini

Come appendere la tv alla parete, anche senza bucare

Bambini e televisione: Distanza e regole per non danneggiare la vista

Violenza in televisione: influenza della televisione sui bambini

Sicurezza bambini televisione: Come non far ribaltare la tv?

La casa è sinonimo di sicurezza e protezione, ma quando in giro c’è un bambino è necessario attivarsi per aumentare il livello di sicurezza in casa. Un aspetto importante e spesso trascurato è: mettere in sicurezza la tv per i bambini.

Io e mia moglie, così come la maggior parte dei genitori, siamo soliti rilassarci guardando la tv la sera, dopo una lunga giornata di lavoro. I bambini, invece, passano diverse ore al giorno davanti alla tv, in compagnia dei loro cartoni animati preferiti.

Vediamo allora quali sono le attività da fare per mettere in sicurezza i bambini dai potenziali pericoli della tv e dispositivi audio video:

Pulizia dell’area della tv: Per prima cosa, rimuovi gli oggetti sotto e nei pressi della base della tv (ad esempio giochi, decorazioni, cd e dvd), in questo modo il tuo bambino avrà meno motivi per avvicinarsi al tv.

Copri o nascondi attrezzature audio – video: Se vicino alla televisione hai console di gioco o un video registratore, o qualsiasi altra attrezzatura, probabilmente il tuo bambino sarà più portato ad avvicinarsi alla tv, perché attratto dalle luci emesse da queste attrezzature.

Io personalmente ho spostato la Play Station in alto, all’interno di un mobile, e coperto con del nastro isolante le luci del decoder che devo tenere per forza in basso.

Nascondi i telecomandi: I bambini ripetono e imitano tutto quello che fanno i genitori, infatti sono sempre attratti dal telecomando perché quando premono il pulsante succede qualcosa. Per loro è un giocattolo interattivo molto attraente, ma è preferibile evitare questo comportamento perché:

  • Il bambino è tentato ad avvicinarsi alla tv per giocare con il telecomando;
  • I telecomandi sono oggetti molto sporchi e tutti i bambini tendono sempre a metterli in bocca;
  • Pericolo di soffocamento, se il telecomando non è fissato con le viti, il bambino potrebbe rimuovere il vano pile e rischiare di ingerire la plastica o addirittura le pile rischiando lesioni e difficoltà respiratorie.

Per questi motivi è importante tenere il telecomando in alto o comunque fuori dalla portata dei tuoi bambini.

In commercio ci sono anche dei mobiletti, progettati per contenere tutte le apparecchiature audio video. E’ sempre preferibile scegliere uno con il vetro così da utilizzare tutti i dispositivi senza aprire lo sportellino, mentre per la sicurezza dei bambini basterà utilizzare una chiusura di blocco per bambini. Se pensi che una soluzione del genere può essere adatta alle tue esigenze, di seguito ti allego uno dei migliori mobiletti per dispositivi e attrezzature audio video.

Ordina fili e cavi elettrici: Dietro ogni tv o decoder sono predenti cavi elettrici, telefonici, dell’antenna e del modem. La situazione peggiora ulteriormente con la presenza di consol gioco, lettori cd e impianti dolby sorround. I cavi sono solitamente ad altezza bambino e possono essere tirati e messi in bocca, rappresentano quindi un grave pericolo per i bambini.

Puoi coprire i fili raggruppandoli in delle canaline oppure utilizzando una fascetta, altrimenti

oppure mettere in sicurezza le prese utilizzando dei copriprese per bambini

Paraspigoli mobile tv: Se vuoi mettere in sicurezza la tv, molto probabilmente avrai la tv poggiata su un mobiletto basso. Visto che i bambini tendono spesso a muoversi e a ballare davanti alla tv, c’è la possibilità che perdano l’equilibrio e di cadere. Ecco perché potrebbe essere importante utilizzare dei paraspigoli per bambini per il mobile della tv, ma anche per la base della tv se è troppo spessa o potenzialmente appuntita.

Staffa porta tv: Installare una staffa porta tv è un’ottima soluzione per tenere i bambini lontano dalla tv e azzerare il rischio di ribaltamento. Resta comunque il problema del mettere in sicurezza fili, prese e decoder. Se cerchi una staffa tv, di seguito trovi la più acquistata online. Una delle migliori per rapporto qualità prezzo.

Cinghia di sicurezza bambini e cavi antiribaltamento tv

Si tratta della scelta, molto pratica, più utilizzata da tutti i genitori che non possono (o non vogliono) fissare il televisore direttamente al muro.

Il cavo antiribaltamento bambini impedisce che il televisore si rovesci quando il bambino cerca di afferrarlo o sportarlo dalla sua posizione iniziale.

Tra le centinaia di cinghie e cavi antiribaltamento, io ne ho selezionati 2, il primo è quello che uso io, mentre il secondo è altrettanto un ottimo prodotto:

permette di fissare un’estremità della cinghia sul retro del televisore e fissare l’altra estremità alla parete o al mobiletto.

Un ancoraggio TV è generalmente un punto di ancoraggio avvitato o adesivo che si collega al mobile o alla parete del televisore. Una cinghia collegherà questo punto al televisore, rendendolo meno incline a cadere.

Come appendere la tv alla parete, anche senza bucare

Una delle soluzioni migliori è montare la tua TV a schermo piatto sul muro, infatti in questo modo sarà completamente fuori dalla portata del bambino.

E’ sicuramente la soluzione migliore, ma non la più semplice, anche perché, nella maggior parte dei casi, sarà necessario fare dei buchi con un trapano per fissare al muro la barra porta tv.

Se non sei pratico, non ti senti sicuro, oppure non hai nessuna voglia di bucare il muto con il trapano, puoi sempre proteggere il televisore con una cinghia di sicurezza TV?


Se pensi che fissare la televisione alla parete sia la soluzione giusta per la sicurezza dei tuoi bambini, di seguito di mostro il prodotto che ho acquistato io per fissare la tv a casa di mia mamma, infatti anche lei ha deciso di mettere in sicurezza la tv perché mi tiene spesso la bambina.

Ecco il prodotto che ho usato io, ma sul mercato ci sono dei prodotti validi a prezzi molto contenuti. Qualunque sia la tua scelta si tratta di un atto dovuto per aumentare la sicurezza dei tuoi figli a casa tua.


Bambini e televisione: Distanza e regole per non danneggiare la vista

Sempre più genitori sono preoccupati per i rischi relativi al tempo che il bambino passa davanti alla televisione, ma anche ad un tablet o telefonino.

A quale distanza si deve mettere e vedere il televisore per non danneggiare la vista? La distanza consigliata è relativa anche alla grandezza del televisore, ma in genere il consiglio pratico è di guardare la televisione da una distanza di almeno 2,5 – 3 metri, utilizzando sempre una luce, anche leggera, alle vostre spalle. Infatti in un ambiente troppo buio, l’occhio si sforzerà molto di più.

Ma guardare troppa tv fa male agli occhi? Guardare troppa televisione non danneggia gli occhi, ma li affatica molto. Questo significa maggiore stanchezza oculare e possibilità di abbassamento futuro della vista del bambino.

Ma quanto tempo i bambini possono guardare la tv? L’American Academy of Pediatrics (AAP) ha definito delle linee guida sulle quantità di tempo per i bambini davanti allo schermo:

  • Neonati e bambini fino a 24 mesi: nessun tempo sullo schermo, ad eccezione delle chat video con familiari e amici;
  • Bambini in età prescolare : non più di 1 ora al giorno di contenuti educativi, insieme a un genitore o un’altra persona che può aiutarli a capire cosa stanno vedendo.
  • Bambini e ragazzi dai 5 ai 18 anni: i genitori dovrebbero porre limiti costanti sul tempo dello schermo, che include TV, social media e videogiochi. I rischi in questa fase è che le attività potrebbero prendere il posto di dormire a sufficienza oppure togliere tempo a sport e attività fisiche e sociali.

Violenza in televisione: influenza della televisione sui bambini

Oggi grazie a televisione e videogames, i bambini possono guardare molto facilmente immagini di violenza in tv, oppure scene di violenza virtuale quando, nel videogioco, l’eroe combatte e uccide il nemico.

Queste attività possono confondere i bambini, che possono avere maggiore difficoltà a distinguere il giusto e sbagliato, oltre che distinguere nettamente fantasia e realtà.

L’esposizione eccessiva a contenuti non adatti ai bambini può provocare problemi comportamentali, ma anche incubi e difficoltà a dormire, oltre che rischio di emulazione e quindi, la volontà di voler replicare comportamenti pericolosi, come fumare, utilizzare sostanze, o fumare, etc.

La presenza del genitore è importante per diversi motivi:

Affiancare il bambino: per rassicurare, spiegare e alleviare le paure del bambino.

Monitorare il bambino: Gestire i tempi di utilizzo di televisioni e console, oltre che decidere e filtrare i programmi da vedere.

Ricorda che gli adolescenti che giocano a videogiochi e app violenti hanno maggiori probabilità di essere bambini aggressivi.